Storie

Gli uccelli appartenenti alla famiglia dei Megapodidi hanno adottato una particolare strategia di riproduzione che mostra una somiglianza con quella praticata da alcuni rettili. Invece di incubare le uova con il calore del proprio corpo le depongono in particolari siti di deposizione (spesso coloniali) dove la temperatura rimane costante. Si tratta di buche scavate sotto alla sabbia in zone soleggiate, sotto a cumuli di materiali vegetali in decomposizione e, talvolta, in prossimità di sorgenti termali. Alla schiusa il pulcino, che risulta già completamente piumato e autosufficiente, deve faticosamente guadagnare una via d’uscita dopo di che è completamente abbandonato a sé stesso. In questi uccelli, infatti, non si è osservato alcun tipo di cura parentale se non la difesa del sito d’incubazione da parte dei maschi.

Fidànzati con la scienza!

Oggi non sentite più nessuno che lavori in un museo, in uno zoo, in un science center, parlare di “divulgazione scientifica”, come si faceva un tempo. No, così non va bene. Riprovo: “Oggi non sentite più nessuno che lavori in un museo, in uno zoo, in un science center, FUORI DALL’ITALIA, eccetera eccetera”.

Gli insetti gioiello

I coleotteri della famiglia Buprestidi vengono comunemente chiamati insetti gioiello per le loro meravigliose livree metalliche. La vistosa colorazione per questi animali è come una sorta di documento di identità, indispensabile per distinguere gli individui della propria specie. In questo modo si evitano inutili accoppiamenti con partner di specie diversa che non porterebbero alla nascita di alcun figlio.

Segni di una notte di mezza estate

Nella mia classifica personale dei mesi più belli, giugno è senza alcun dubbio il vincitore assoluto! Sorvolando sull’esigenza opinabile di dover stilare una classifica sui mesi dell’anno preferiti, quello che mi piace di questo momento è la sensazione di leggerezza e serenità che mi trasmette, come di un “inizio promettente”.

Cadere per non soccombere

Alcune falene per difendersi dai pipistrelli, loro acerrimi nemici, utilizzano un'efficace e avvincente strategia antipredatoria: non appena gli insetti percepiscono gli ultrasuoni per l’ecolocazione emessi dai piccoli mammiferi volanti, si immobilizzano e si lasciano cadere, evitando così di essere catturati in volo.

I ragni ballerini vi conquisteranno!

Tra i tanti animali che la selezione naturale ha creato, i ragni sono sicuramente tra i meno apprezzati da noi scimmie nude. Quasi tutti sono velenosi, alcuni producono tossine pericolose anche per l’uomo, molti sono pelosi e generalmente sono “brutti” e poco empatici per i nostri parametri (ma chissà poi se noi piacciamo ai ragni?!?).

Volo silenzioso

I rapaci notturni possiedono diversi adattamenti per vivere in un ambiente senza luce, come la capacità di volare senza fare rumore. Le loro piume hanno una superficie vellutata e sono ornate di speciali frangiature in grado di annullare il rumore prodotto dall’attrito dell’aria. Il volo silenzioso permette a questi predatori di percepire meglio i suoni ambientali e di cogliere di sorpresa le prede.