Botanica

[ Attività ]

Dormo con le farfalle

Una “notte al museo” tutta speciale. All’imbrunire, andremo nei prati per scoprire e conoscerci, per incontrare gli animali del bosco, per ascoltare racconti incredibili narrati da strani personaggi che popolano queste campagne. Poi nelle serre, per continuare a giocare con la natura. Infine, tutti nei sacchi a pelo.
[ Attività ]

Dormo con le farfalle

Una “notte al museo” tutta speciale. All’imbrunire, andremo nei prati per scoprire e conoscerci, per incontrare gli animali del bosco, per ascoltare racconti incredibili narrati da strani personaggi che popolano queste campagne. Poi nelle serre, per continuare a giocare con la natura. Infine, tutti nei sacchi a pelo.
[ Attività ]

Biodiversità sotto casa

Il progetto “Let it Grow”, cui aderiamo, punta l’attenzione sulla biodiversità in Europa. Usciremo a esplorare i nostri prati, per scoprirne le fioriture e gli impollinatori. Non occorre andare lontano per scoprire le meraviglie della natura!
[ Blog ]

Repellente al limone

E' stato osservato che alcuni animali utilizzano dei vegetali come repellente contro gli insetti. In Costa Rica, ad esempio, i Cebi capuccini (Cebus capucinus) si strofinano frutti e foglie di agrumi sulla pelliccia. Sembra che questo comportamento venga trasmesso culturalmente all'interno dei gruppi sociali.
[ Blog ]

Piccante.....ma non per tutti!

Il peperoncino per non essere mangiato ha evoluto un sistema deterrente che tutti conosciamo: la piccantezza! La sensazione di bruciore che proviamo quando mangiamo questo frutto è data da alcuni composti chimici (alcaloidi), tra cui il più importante è la capsaicina. Non tutti gli animali però reagiscono allo stesso modo a tale composto. Gli uccelli, ad esempio, ne sono immuni poiché non possiedono i recettori su cui agisce questo alcaloide. Questo fa supporre che la capsaicina si sia evoluta proprio per evitare che i peperoncini venissero mangiati dai mammiferi, il cui sistema digestivo danneggerebbe i semi che non sarebbero più in grado di germogliare, mentre tali semi passerebbero inalterati nel tratto digestivo degli uccelli.